Translate

martedì 12 marzo 2019

2018. Partiamo da come si è concluso...



Ore 18 del 17 dicembre 2018, Post Scriptum Tower.  

Prendiamo l’ascensore a vetri, saliamo fino al 27esimo piano e varchiamo la porta del quartier generale della casa editrice. Nella sala riunioni, si sta svolgendo un incontro tra il PS Team e una ragazza, sconosciuta. Dietro il tavolo, lungo e lucido, troviamo al centro Mario, con Marco e Sara ai lati: i suoi veri e propri “braccio destro” e “braccio sinistro”. È la ragazza per prima che prende la parola. 

Elisa: Buonasera a tutti! 

Mario, Marco, Sara: Ciao Elisa! 

Mario: Inizio a riassumerti la nostra situazione. Attualmente, la nostra società ha bisogno di un aiuto fattivo su due principali fronti: la comunicazione sui social e la comunicazione su altri mezzi, ad esempio sulla stampa. 
Nello specifico, non abbiamo al momento il tempo di dedicarci a campagne ben studiate per il lancio di nuovi giochi, né di seguire con assiduità i profili Facebook e Instagram della società. Siamo molto forti nel creare e realizzare i giochi (e abbiamo una buona base di fornitori) e vogliamo ampliare la nostra presenza pubblicitaria ma ci manca il tempo per occuparcene come vorremmo davvero fare.  
Quello che ci servirebbe è una figura che crei una presenza coinvolgente sui social e offline, sia per l’azienda sia poi per ogni singolo gioco da lanciare, con post quotidiani su Facebook e Instagram e con la creazione di una newsletter. Con offline, intendo l’ideazione di promozione specifica per i giochi in fiera, con cartellonistica e oggettistica, iniziative per coinvolgere il pubblico e attirarne di nuovo. 

Sara: In più, questa persona dovrà trovare canali e contatti alternativi, per far conoscere i nostri bellissimi giochi anche al di fuori del circuito degli appassionati. Associazioni, biblioteche, ludoteche... 

Marco: Le parole chiave di tutte queste mansioni sono creatività e costanza. Direi che questa è in linea generale la nostra esigenza. 

Improvvisamente, tutti notano la presenza anche di Matteo. 

Marco: Ma... ti pare questo l’orario per arrivare?  

Sara: Tra l’altro, da dove sei sbucato? Non ti ho nemmeno sentito entrare... 

Matteo: Ragazzi, calma… Io ero già qui da prima che voi arrivaste. Forse la mia presenza fissa qui non viene neanche più notata... 

[mormorio tra i membri del team che dubbiosi non credono alle parole di Matteo] 

Elisa: Mi potete fare un bilancio dell’anno appena passato? Così posso avere ben chiaro il quadro di partenza… Ho visitato il sito, il blog e le pagine social ma sentir raccontare da voi tutto quello che avete fatto mi dà modo di capire meglio anche come lavorate.  

Mario: Come già era successo nel 2017 con l’ingresso in società di Marco, anche nel 2018 abbiamo ampliato l’organico con l’assunzione di Sara.  

Marco: Senza dubbio questa è stata la novità più importante e di maggior impatto! 

Mario: Concordo. Procedendo con ordine, Wendake è stato ristampato sia in gennaio sia in aprile. 

Sara: Non dimenticarti che è uscito anche in edizione americana e cinese! 

Mario: Già, hai ragione... Nel corso dell’anno, poi, sono usciti Wendake: New Allies, l’espansione di Wendake, e Radetzky – Milano 1848 che fra l’altro sono stati i primi giochi firmati da P. S. Martensen... Nonostante abbia sviluppato già parecchi altri titoli in passato! 
Abbiamo anche lavorato, come sempre, ad alcuni titoli promozionali. Su tutti, ti indico Gran Milàn, pubblicato con Demoelâ, e W la Dislessia. In particolare, quest’ultimo è uno dei giochi che ci piace di più fare, perché ha un messaggio importante. 

Sara: A proposito di Demoelâ, è stato un anno in cui il nostro rapporto con questa realtà si è stretto ancora di più e ne siamo davvero felici. Questa realtà continua a dedicarsi a progetti legati al territorio ma ci piace che vogliano valorizzarlo anche proponendo titoli adatti ai giocatori più esigenti. Non a caso, abbiamo condiviso lo stand di Essen e a Play Modena avevano anche uno spazio nella nostra area. 

Marco: Ovviamente, oltre a tutti i prodotti e le manifestazioni a cui abbiamo partecipato, ci siamo dati anche parecchio da fare dietro le quinte. Abbiamo lavorato a Legend Raiders, che abbiamo recentemente annunciato, e a Masamune - non è ancora il titolo definitivo - ma anche a molto altro. Siamo strapieni di progetti da portare avanti...  

Mario: Sì, in effetti abbiamo dovuto accantonare diverse nuove proposte, non senza rammarico, perché vogliamo lavorare in maniera professionale su ciò che già stiamo preparando. 

Elisa: Bene, credo di avere tanto da imparare ma il vostro entusiasmo mi ha contagiato! Non posso vantare la vostra grande esperienza nel settore dei giochi da tavolo che però mi appassionano molto. Dalla mia ho un bel po’ di esperienza nella produzione scritta, nella comunicazione su siti istituzionali e social, tanta palestra come aiuto redazione e quindi l’occhio molto allenato ai testi… Se volete, io sono dei vostri! 

Mario: Che dite, ragazzi? 

Marco: Per me va bene! 

Matteo: Anche per me. 

Sara: Anche io sono d’accordo! 

Mario: Allora, Elisa, benvenuta a bordo! 



No, non ci siamo dati alla produzione teatrale!  

Qui sopra abbiamo cercato di riportare l’incontro che abbiamo fatto per decidere di includere una nuova persona nel team di Post Scriptum. Come avete letto, l’esito è stato positivo e siamo quindi alle presentazioni ufficiali: Elisa Ciatti è entrata a far parte del nostro gruppo di lavoro! Abile nella scrittura, si occuperà della nostra comunicazione sui vari canali (blog, Facebook, Instagram) e si potrà fare le ossa nel nostro fantastico e complesso settore dei giochi da tavolo.  

A proposito, preparatevi perché stiamo lavorando alla nostra prossima uscita... Tenete a mente: fine ottobre, tanta avventura e scoperte archeologiche: Legend Raiders is coming!  




mercoledì 27 febbraio 2019

Una giornata in cattedra

Sabato 17 febbraio, Scuola Holden Storytelling & Performing Arts di Torino.
Training Camp "Progettare giochi da tavolo" di Andrea Chiarvesio e Alessandro Avataneo. 
Ciclo di lezioni intensive sulle tipologie di gioco, su come creare ambientazioni, personaggi, storie e dinamiche avvincenti e intrecciare il lato narrativo al game design in maniera organica. All'aspetto teorico è abbinato quello pratico con un'esperienza vera e propria di creazione di un gioco.

Oggi si tiene la quarta lezione e il docente è... Mario Sacchi
Post Scriptum si trasferisce in cattedra, per un giorno.
Non siamo nuovi a esperienze del genere perché Mario già in passato ha tenuto lezioni e workshop di Game Design presso i Politecnici di Torino e Milano e anche presso altre associazioni.
Però, come sempre, c'è un po' di tensione... Non è un vero docente di professione, spesso si lancia in digressioni e apre parentesi che poi non chiude e riallacciare le fila del discorso può essere un pochino difficoltoso, per chi non lo conosce bene come lo conosciamo noi

In questa occasione, però, la lezione è stata molto partecipata da parte dei ragazzi: Mario è stato quasi inondato di domande, si è svolto una sorta di dialogo molto aperto e con precisione ha risposto a dubbi e curiosità, mettendo in luce tanti aspetti concreti della tematica oggetto della lezione.
Non ve l'abbiamo ancora svelata... già, è vero...


Si è parlato delle insidie di Kickstarter, la piattaforma di crowdfunding più grande al mondo che negli ultimi anni ha amplificato la realizzazione di giochi da tavolo, arricchendo il panorama con tantissimi nuovi titoli. Sappiamo però che quantità non è sinonimo di qualità...

Non è possibile riassumere qui l’intera mattinata di lezione. Mario si è soffermato molto sui costi nascosti che spesso si sottovalutano durante una campagna: per esempio, il fatto di dover pagare le tasse sulla somma raccolta (!) e sull'enorme dispendio di tempo che essa comporta. 
Ha spiegato che bisogna lavorare duramente con almeno un anno d'anticipo sull'inizio ufficiale e che bisogna prevedere che nelle settimane in cui il progetto sarà live è necessaria - come minimo - una persona che vi si dedichi a tempo pieno, rispondendo in tempo reale a tutte le domande e seguendo tutte le comunicazioni social.
Poi ovviamente si è parlato di molto altro, ma riassumeremo il tutto dicendo che Kickstarter è un amplificatore che, così come rende più eclatanti i trionfi e premia il lavoro ben fatto, rende madornali gli errori e può causare grossi danni in caso di mancanze anche minime. Bisogna davvero stare attenti!

In conclusione, da professionisti dei giochi e non dell'insegnamento, possiamo dire che è stata una bella esperienza: ci fa sempre piacere partecipare a queste occasioni di approfondimento, con entusiasmo ci mettiamo tutto quello che la nostra esperienza sul campo ci insegna, per poter così contribuire ad allargare gli orizzonti ludici del pubblico italiano.
Ci troviamo prossimamente, allora, su altri banchi e su altre cattedre!


mercoledì 29 agosto 2018

In uscita a Essen! Wendake: New Allies e Radetzky - Milano 1848!

A due mesi dall'inizio della fiera, siamo lieti di annunciare i due giochi in uscita a Essen! Li troverete entrambi nel nostro stand 4-C113!



WENDAKE: NEW ALLIES

Giocatori: 1-4
Tempo: 60-150
Età: 14+



Anno 1756: gli eserciti Francese e Inglese stanno arrivando nell'area dei Grandi Laghi. Allearsi con loro potrebbe essere molto conveniente per la vostra Tribù, a livello economico e militare!

Wendake: New Allies introduce nel gioco le carte Turno e l'azione Alleanza. Il funzionamento di queste nuove regole è molto semplice:
  1. Quando scegliete l'ordine di gioco del turno successivo ottenete anche la carta Turno associata alla posizione in cui avete collocato il vostro cilindro.
  2. Nella parte superiore della carta Turno ci possono essere la bandiera Francese, quella Inglese, entrambe o nessuna. La presenza di bandiere vi permette di svolgere subito un'azione Alleanza con la fazione riportata (se ci sono entrambe, potete scegliere). L'azione Alleanza vi permette di:
    • Incrementare la solidità del patto che vi lega a una fazione... O decidere di passare dall'altra parte!
    • Usare le vostre Canoe per commerciare con le Navi europee, cedendo Pelli in cambio di preziosi Fucili.
    • Sfruttare le Pattuglie Francesi e Inglesi per consolidare il vostro controllo sui vari territori.
    • Usare i Fucili per ottenere Punti Vittoria in una scala associata ai vostri alleati.
  3. Nella parte inferiore della carta Turno ci sono potenti effetti, ottimi da usare in combinazione con le tessere Azione o con le tessere Progresso.
    Alcuni di essi sono gratuiti, e in tal caso la carta Turno va scartata. Altri costano risorse o Fucili e in tal caso la carta può essere usata una volta a round.



Alcuni esempi di carte Turno

L'azione Alleanza è presente anche sulle nuove tessere Azione incluse nella scatola.
I Fucili permettono inoltre di ottenere nuove tessere Tartaruga.

Infine, nel gioco saranno presenti le carte Evento e i gettoni Turno Fantasma per rendere la partita in solitario ancora più difficile e avvincente!

Contenuto:

  • 1 plancia componibile, in 4 parti. Fronte per la partita multigiocatore, retro per il solitario
  • 12 tessere Tartaruga
  • 2 tessere Lago non usabile
  • 10 nuove tessere Azione (5 di livello 1 e 5 di livello 2)
  • 4 gettoni Turno Fantasma per la partita in Solitario
  • 8 Pattuglie Francesi
  • 8 Pattuglie Inglesi
  • 1 Nave Francese
  • 1 Nave Inglese
  • 20 risorse Fucile
  • 4 nuovi dischi Tribù (1 per colore)
  • 17 carte Turno livello 1
  • 22 carte Turno livello 2
  • 16 carte Evento per la partita in Solitario
  • 1 foglio di adesivi
  • Regolamento


Autori: Danilo Sabia e P.S. Martensen
Illustrazioni: Alan D'Amico
Grafica: Paolo Vallerga / Scribabs
Editori: Placentia Games / Post Scriptum

RADETZKY - MILANO 1848

Giocatori: 2-5
Tempo: 40-90
Età: 8+



Nel solco dell'esperienza già fatta con Zena 1814, Post Scriptum torna a collaborare con Demoelâ per sfornare un altro gioco dedicato a un preciso periodo storico di una città italiana. Radetzky - Milano 1848 è un cooperativo in cui i giocatori vestono i panni dei cittadini di Milano, opposti all'esercito austriaco e al suo comandante, il Maresciallo Joseph Radetzky durante le Cinque Giornate!

In ogni turno, avrete a disposizione un massimo di 3 punti azione, ognuno dei quali permette di:

  • Muovere la propria pedina Patriota
  • Usare una carta Aiuto
  • Potenziare l'effetto delle carte Aiuto
  • Ripristinare la propria mano
  • Conquistare una Località
  • Combattere contro i Soldati
  • Combattere contro Radetzky

Il combattimento è il cuore del gioco. Le regole sono molto semplici: se nella Località dove si trova il vostro Patriota c'è almeno un Soldato, rivelate una carta Austria e giocate dalla vostra mano una carta che la sconfigga (se l'avete...), dopodiché decidete se proseguire e combattere gli altri Soldati oppure no.
Il combattimento finisce quando decidete di fermarvi o quando una delle due fazioni perde.

Carte Austria


Carte Italia
Ma non è tutto qui: potrete giocare carte Aiuto per muovervi più velocemente, aumentare la forza in combattimento, piazzare Barricate, pescare carte o spostare Soldati austriaci sulla mappa. Potrete cercare di combattere insieme, per avere maggiori possibilità di vittoria, oppure sparpagliarvi per coprire più zone possibili. Dovrete decidere quando tentare di affrontare Radetzky per indebolire la sua guarnigione nel Castello Sforzesco e dovrete scegliere con attenzione quali Località cercare di conquistare. Vincere sarà tutt'altro che facile!

Carte Aiuto


Alla fine dei turni dei giocatori, tocca all'Austria che rinforzerà i propri presidi in città, occuperà nuove Località e, se non sarete riusciti ad impedirlo, potrebbe conquistarne qualcuna.

La partita finisce quando almeno una fazione conquista 5 Località. Se sarà l'Italia ad averne di più, avrete vinto!

Carte Località

Il gioco include una modalità di gioco Base, in cui si riduce il set di regole, ma non la difficoltà nel vincere, e una modalità Avanzata, in cui entrambe le fazioni diventano più forti ed è possibile utilizzare tattiche più complesse.

Contenuto:

  • 1 Plancia di gioco, raffigurante la mappa di Milano delimitata dalle Mura Spagnole, demolite nel XIX secolo.
  • 1 Plancia Gioco Avanzato
  • 110 carte, divise in:
    • 16 carte Località
    • 33 carte Austria
    • 60 carte Italia
  • 1 carta Primo giocatore (con riassunto del turno Austriaco)
  • 5 pedine Patriota, in 5 colori
  • 1 cartonato raffigurante Radetzky
  • 1 cubo Combattimento
  • 50 cubi Soldato Austriaco
  • 11 tasselli Località Conquistata
  • 5 tasselli Barricata Mobile
  • 5 tasselli Aiuto
  • Regolamento


Autori: Alberto Barbieri, Marco Garavaglia e P.S. Martensen, con il contributo di Marco Alberto Donadoni
Illustrazioni: Simone Murgia
Grafica: Sara Gioria / Post Scriptum
Editori: Demoelâ / Post Scriptum

lunedì 22 gennaio 2018

2017: l'anno di Wendake (include alcuni chiarimenti).

Un altro anno è passato e, come sempre, ecco il resoconto delle nostre attività.
In questo 2017, a prima vista, siamo stati meno attivi dell'anno precedente, il che potrebbe stupirvi, visto che abbiamo annunciato di avere un socio in più.
In realtà, però, ci siamo dati da fare come non mai, anche se parecchi progetti non sono ancora giunti a compimento. Nei prossimi mesi speriamo di poter fare qualche annuncio che teniamo in serbo da un po', sfruttando anche il nuovo canale Telegram ufficiale appena aperto!

Parliamo comunque dei prodotti effettivamente usciti, iniziando dalle

PROMOZIONI
Questo ramo viene poco pubblicizzato nei canali dedicati agli appassionati, ma è molto apprezzato dai giocatori occasionali, che spesso vedono nascere la propria passione grazie a giochi come i cinque che abbiamo prodotto quest'anno, ovviamente tutti per Natale: a TorinoXXL, TorinoMemo e Torino Extra Pack, che hanno portato avanti la già ottima strada iniziata l'anno scorso, si sono infatti affiancati Bolognando e Ticinum, dedicati a Bologna e Pavia. Sono tutti prodotti diversi fra loro, ma molto legati al territorio che, come appunto fanno i giochi di questa sezione, vogliono promuovere.

RISTAMPE
O nuove edizioni :)
Siamo stati molto attivi anche su questo fronte, immettendo sul mercato nuove copie di Brick Party, Fun Farm (finalmente giunto in Spagna) e Kepler-3042, che dopo essere sbarcato negli spazi interstellari è giunto negli Stati Uniti grazie a Renegade, che l'ha proposto con nuove illustrazioni più adatte al pubblico d'oltreoceano. Il gioco è stato accolto molto bene e presto uscirà anche in altre nazioni, per la gioia di chi parla lingue diverse dall'Italiano o dall'Inglese.

EDIZIONI
Ultimi ma tutt'altro che ultimi, i due nuovi titoli usciti quest'anno: l'espansione 2.5 per Drizzit, che si intitola Personaggi & Poteri (più altre carte fichissime) e aggiunge 55 nuove carte (fra cui il fortissimo Prugnino) e soprattutto l'albo Drizzit Classics con le prime 80 strisce del fumetto ridisegnate e una guida strategica per il gioco. Secondo noi è imperdibile!
Dulcis in fundo, ovviamente, Wendake, che ha accentrato la maggior parte dei nostri sforzi durante questi dodici mesi, prima per testarlo e svilupparlo, poi per seguire la campagna Kickstarter, poi per produrlo e infine per spedirlo e distribuirlo. Davvero, ci ha assorbito per tutto l'anno ed è stato in effetti uno dei motivi per cui altri progetti hanno rallentato un po', ma pensiamo che ne sia valsa la pena: il gioco sta riscuotendo unanimi consensi e ha esaurito in un mese l'intera tiratura che avevamo previsto bastasse fino ad aprile.
Rispetto a Kepler-3042, che già avevamo sviluppato in modo simile, possiamo dire che siamo migliorati molto dal punto di vista della preparazione della campagna e della comunicazione, con conseguente crescita di notorietà del marchio, che era uno dei nostri obietivi dichiarati quando siamo entrati ne...

LA FASE 2 DELLA COLLABORAZIONE CON PLACENTIA GAMES
Dopo averne parlato fra di noi, abbiamo deciso di chiarire un po' meglio al nostro pubblico i rapporti fra Post Scriptum e Placentia Games e pensiamo che questo sia il luogo adatto per farlo.
Come sapete, tutto è iniziato nel 2010 in termini molto chiari: Placentia come cliente e Post Scriptum come consulente. Le cose sono andate avanti così, sempre in ottima armonia umana e professionale, fino al 2015, anno in cui abbiamo iniziato a parlare concretamente di un'idea che frullava in testa un po' a tutti da un po', ovvero quella di iniziare a gestire il marchio Placentia in modo più diretto, proponendo di seguire tutte le attività di tale casa editrice in prima persona, esattamente come facciamo con i titoli Post Scriptum. In questo modo, da una parte abbiamo potuto liberare i titolari dagli impegni che il marchio ormai richiedeva, considerando che per loro tutto è nato come un hobby, poi diventato nel tempo un vero e proprio secondo lavoro, mentre dall'altra abbiamo potuto dedicare ai nuovi giochi le energie e il tempo che un secondo lavoro non può garantire.
Il marchio era già abbastanza noto agli appassionati e tutti siamo stati convinti fin da subito che Kickstarter fosse uno strumento adatto a farlo crescere. Quello che mancava, prima, era il tempo per seguire le campagne in modo efficace, ma con la nuova riorganizzazione di competenze è stato finalmente possibile. Così, dapprima Kepler-3042 e poi in modo ancora più marcato Wendake, sono nati e cresciuti totalmente sotto la nostra direzione.
Allo stato attuale delle cose, Post Scriptum e Placentia Games sono due società separate, ma che vivono in completa sinergia e possiamo a tutti gli effetti considerare il marchio Placentia come una vera e propria linea editoriale di Post Scriptum. 
Ovviamente, comunque, i titolari Franco e Sandro, vengono sempre consultati e seguono il nostro lavoro in ogni sua fase, supervisionando che tutto proceda nella direzione concordata insieme.
A oggi, siamo tutti più che soddisfatti della situazione.

FIERE
L'ultima sezione di questo post è dedicata alle fiere: per scelta editoriale e personale, la nostra presenza è sempre stata molto ridotta in questo settore, spesso limitandoci solo a uno stand a Essen e talvolta neanche a quello.
Quest'anno però abbiamo iniziato a farci vedere un po' di più, sia per dare il maggior seguito possibile a Wendake dopo la campagna, sia perché, avendo in organico una persona in più, abbiamo potuto affidarle il compito di organizzare gli stand al meglio.
Siamo quindi stati a Essen, ma stavolta con un'area di 40 metri quadri mai avuta prima e inoltre abbiamo avuto stand a Play  e Torino Xmas Comics, senza contare l'area Wendake a Lucca, in cui non vendevamo il gioco, ma lo dimostravamo e permettevamo ai backers di ritirarlo.
È ancora poco, rispetto a molte altre case, ma da sempre abbiamo preferito concentrare i nostri sforzi sulla realizzazione dei prodotti, curando in modo maniacale sia lo sviluppo delle regole, sia l'edizione e per questo abbiamo sempre delegato la presenza in fiera ai nostri distributori.
Ora che abbiamo le risorse umane per farlo, ci dedicheremo un po' di più anche a questo aspetto, ma la via maestra resta comunque quella originaria.

Saremo felici se ci accompagnerete su di essa anche in questo 2018.

Mario, Marco, Matteo.

martedì 27 giugno 2017

Wendake è pronto a partire



Ci risiamo! Come già accaduto l'anno scorso, stiamo per partire con la nostra seconda campagna Kickstarter per Placentia Games: stavolta è il turno Wendake di Danilo Sabia, che molti già conoscono come Grandi Laghi.

Non c'è molto da dire in questo post, se non che anche questa volta si tratta del culmine di un anno e mezzo di lavoro, che ha coinvolto tantissime persone e che ci ha visti in prima linea sia in fase di playtest, sia in fase di sviluppo del prodotto.

Realizzare questi giochi è ciò che più amiamo fare, e ci fa piacere vedere che la community di giocatori italiani stia rispondendo così bene agli articoli e alle anteprime che stanno uscendo.

Quindi, ve lo chiediamo senza mezzi termini: sosteneteci anche in questa avventura! 
Abbiamo tanti altri giochi da realizzare e vogliamo continuare a mantenere gli standard più elevati possibili. Abbiamo il sogno di diventare una realtà conosciuta in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti e pensiamo che più bei giochi usciranno, più tutti (noi e voi) saremo contenti.

Passate parola! ;)

venerdì 10 marzo 2017

Si riparte da Drizzit! Nuove carte e nuovo albo!

Eccoci finalmente all'annuncio della prima uscita del 2017! E si tratta di un grande ritorno!

Sì, perché parliamo di Drizzit - Il gioco di carte, di Luigi Bigio Cecchi e Andrea Chiarvesio!
Dopo essersi preso un anno e mezzo di pausa per evitare di sorpassare il fumetto nella narrazione degli eventi, il party più divertente della rete si rimette in viaggio, con nuovi compagni di avventura… E non solo!
Ecco a voi l’Espansione 2.5!

Nessuna nuova regola, stavolta, e in una scatoletta più piccola delle precedenti (ma c'è un motivo... E lo scoprirete più avanti), ma tante nuove scelte di gioco: da oggi il gruppo di Personaggi fra cui scegliere sale ufficialmente a 12, senza contare tutte le versioni alternative ora disponibili!
Inoltre, nuove carte Ricompensa, Boss, Cristallo, Musa e Dotazione (fra cui alcuni potenti alleati). Insomma: non c'è proprio il rischio di essere ripetitivi, in questo gioco!
Ciliegina sulla torta: un albo contenente un fumetto inedito molto, molto atteso!


Ma andiamo a scoprire un po' meglio la scatola intitolata...
In questa espansione troverete le carte originariamente pubblicate nell’album Print & Play sulla pagina Facebook di Post Scriptum, (avevate notato che Personaggi & Poteri ha le stesse iniziali di Print & Play?) stampate a grande richiesta nello stesso formato di quelle già edite. Nel dettaglio:
  • I due nuovi personaggi Nantima e Prugnino completi di tutte le carte Dotazione;
  • Pako (anch'egli con il set completo di Dotazioni), ridisegnato per l’occasione, in modo che tutti possano utilizzarlo senza nulla togliere a chi ha l’esclusiva e introvabile versione promo abbinata alle prime scatole del gioco base;
  • Versioni alternative di tutti i personaggi del gioco base;

Esempio di versione alternativa

  • 3 nuove Muse;
  • Nuove Dotazioni, Alleati, Cristalli e Boss da affrontare;
  • E inoltre 5 carte inedite ed esclusive, da aggiungere al mazzo Ricompense:
    • Favore di fasturis
    • Funghetti essiccati di Collinolio
    • Amicizia del drago Flaffla
    • Nuova recluta in soccorso
    • E soprattutto, la nuova carta alleato Ayrin!


Ma non è finita qui! Sempre seguendo la filosofia "diamo agli appassionati le versioni cartacee di ciò che stanno chiedendo a gran voce",  ecco In allegato l’esclusivo albo




Che raccoglie le prime storiche 80 strisce del fumetto completamente ridisegnate dal nostro magnanimo Autore, oltre ad alcune pagine strategiche dedicate al gioco.


Tutto iniziò da qui


Il gioco sarà presentato in anteprima a Play 2017, dove sarà disponibile allo stand Raven Distribution al costo di 15,00 euro.


Drizzit - il gioco di carte, di Luigi Bigio Cecchi & Andrea Chiarvesio
Illustrazioni di Luigi Bigio Cecchi
Pubblicato da Post Scriptum in collaborazione con Shockdom
Co-Prodotto e distribuito da Raven Distribution


Giocatori: 1-6
Età: 8+

Durata: 20-40’

giovedì 12 gennaio 2017

2016: si chiude un'era. 2017: si riparte con entusiasmo!

E così, come di consueto, eccoci al resoconto dell'anno che si è appena chiuso. Come sempre, anche il 2016 ha portato grosse novità ed evoluzioni per noi: non siamo capaci di stare fermi e dobbiamo sempre provare nuove strade (senza però abbandonare quelle vecchie, eh!). Le principali sono state Ziuq, il primo gioco realizzato per un pubblico veramente diverso dal nostro solito, e Kepler-3042, la nostra prima campagna Kickstarter, piena di insidie, ma alla fine coronata dal successo. Ma ci sono state anche le ristampe di Brick Party e le varie consulenze, su cui spicca S.P.A.C.E., per i motivi che leggerete qui sotto.
Però, siccome quest'anno che si è chiuso e quest'altro che si sta aprendo porteranno anche una grossissima e graditissima novità per noi, abbiamo deciso di scrivere un report diverso rispetto a quanto già fatto nel 2013, 2014 e 2015 e di affidarlo quindi alla migliore penna attualmente presente sul mercato (il che non è certo un complimento per tutte le altre...).
Mai come oggi, il nostro sguardo verso il futuro è stato così pieno di ottimismo e consapevolezza di poter fare sempre di più e sempre meglio. E per celebrare un passo così importante non potevamo che richiamare in servizio il vero idolo di grandi e piccini.
Ecco a voi il grande ritorno di LORD FIDDLEBOTTOM!!! 

Ma guarda un po’ questi simpaticoni di Mario Scriptum e Matteo Post!
Adesso mi cercano, dopo tutto questo tempo! Io, che sono Lord Fiddlebottom, non posso che biasimare questo atteggiamento irrispettoso e insolente! Vengo chiuso nei sotterranei della Grande Fortezza di Post Scriptum (che si trova a Suno, vicino a Borgomanero, provincia di Novara) per oltre un anno e mi tirano fuori solo quando mi costringono a fare annunci clamorosi e da click baiting, come:

“OMG! CLICCA QUI, NON CREDERAI AI TUOI OCCHI! MARIO SCRIPTUM È DIVENTATO SEXY!!!1!!!”




Ebbene sì, la Post Scriptum inizia il 2017 con una grande novità, un cambiamento epocale che rivoluzionerà la nostra casa editrice preferita, e cioè…

Oddio, non ricordo.

A stare isolati dal mondo per così tanto tempo, il cervello perde colpi... Facciamo un passo indietro, torniamo insieme al 2016. Durante l’anno appena trascorso sono successe tante cose parecchio interessanti e sconvolgenti.

Come per esempio quella volta che hanno incontrato Andrea Pisani, il noto comico televisivo membro dei Panpers: il giovane e talentuoso attore ha sviluppato, insieme a Carlo Emanuele Lanzavecchia, il mitico Ziuq, un party game che sta creando grossi problemi di schiena a tutti i giocatori che si piegano dal ridere e poi però rimangono bloccati, con questo freddo.

E poi quella volta che hanno tentato la strada del crowdfunding, insieme a Placentia Games, con il gioco Kepler-3042, di Simone Cerruti Sola. Che avventura! Corse contro il tempo, problemi di produzione risolti all’ultimo, estenuanti lavori di promozione e sviluppo per la campagna Kickstarter. Qualche intoppo c’è stato, ma alla fine tutto è andato liscio, il gioco piace, ed è presente anche il mio bel faccino in una delle schede personaggio (potrebbe non essere vero. N.d.Mario). Sono molto fiero di ciò, del resto ho contribuito enormemente con la mia ricchezza spropositata al successo della campagna (ecco, questa invece è proprio una panzana pazzesca. N.d.Mario).

Però ancora mi sfugge la grande novità del 2017… andiamo avanti a ragionare sul 2016…

Con la nuova edizione, Brick Party è salito a oltre 20 mila copie vendute, e sul fronte delle consulenze i nostri amici si sono dati da fare mica poco: Time Bomb, Growerz, Torinopoli, Bandiere del mondo sono stati bellissimi progetti portati avanti con attenzione e cura, per non parlare di S.P.A.C.E., il primo gioco sotto consulenza realizzato da zero, permettendo ai baldi Post e Scriptum di progettare un prodotto semplice ma con i canoni del gioco da tavolo moderno.
S.P.A.C.E. è un gioco sull’astronomia (video), un tema caro ai nostri cari protagonisti fin da Kepler-3042 (video), ideato da un autore esordiente ma talentuoso, nonché storico compagno di giochi di Mario e Matteo, ovvero Marco Garavaglia, detto Tambu.

Viene chiamato Tambu perché è anche un abile batterista, un batterista che picchia forte, ogni suo colpo sembra un petardo, proprio come quelli che ho sentito allo scoccare della mezzanotte di questo Capodanno duemiladiciassetteeeeEEEEHI!!!!

MA CERTO, ORA RICORDO!

Signore e signori, è proprio questo l’annuncio bomba del 2017:


Marco “Tambu" Garavaglia è il nuovo socio di Post Scriptum!

Il nostro nuovo compare è un fidato collaboratore di Post e Scriptum ormai da tempo, abile e meticoloso analista dei giochi e valido playtester. Lo troverete spesso, e farà bella mostra di sé durante la prossima edizione di Idea G.
Il nuovo acquisto porterà molti vantaggi a casa Post Scriptum, a partire dal fatto che, se Mario, come al suo solito, dirà una battuta molto brutta, Tambu sarà pronto con le sue bacchette.

PA-TUM-SCHHHH!



Lord Fiddlebottom